Le distorsioni cognitive (o errori cognitivi)

PSICOLOGO PESCARA. DISTORSIONI COGNITIVE. Dr. Giorgio Di Matteo – Psicologo Psicoterapeuta cognitivo comportamentale. Viale J.F. Kennedy 37 Pescara. Tel. 3493930563

Cosa si sta pensando, determina in gran parte le nostre reazioni emotive e comportamentali in una certa situazione. Non solo che cosa si pensa è fondamentale per comprendere la motivazione alla base delle emozioni e dei comportamenti, ma anche come si pensa.

L’uso di particolari modi di valutare la realtà e di ragionare, detti “distorsioni cognitive”, contribuisce a creare pensieri disfunzionali e quindi ad alimentare stati d’animo negativi.

Tutti noi commettiamo errori di ragionamento, perché quando dobbiamo prendere una decisione o attribuire la causa a qualche evento, la conclusione a cui arriviamo non deriva da una dettagliata analisi logica di tutti gli elementi e le variabili che possono avere influenzato la situazione. La nostra mente funziona su un principio economico per cui cerca delle scorciatoie, si basa solo su alcuni elementi, salta alle conclusioni, invece di usare una logica ferrea, in ogni momento, in ogni situazione.

Gli errori di ragionamento possono causare problemi, quando vengono usati sistematicamente, con intensità, allora producono pensieri costanti disfunzionali, cioè pensieri poco realistici e determinano sofferenza emotiva. Le distorsioni cognitive possono essere riconosciute nel nostro flusso di pensiero, il dialogo interiore, e modificate allo scopo di riformulare pensieri più realistici, adattivi e funzionali al nostro benessere.

Proviamo insieme a vedere quali sono i passi fondamentali da svolgere:

1° Passo: Ascoltare il proprio monologo interno.

È importante che si ponga attenzione a ciò che io mi dico e non solo a ciò che dice l’altro. Ci si può aiutare tenendo un diario dei propri pensieri.

Esempio:
Evento Pensieri   Sentimento
Appuntamento mancato Io non sono importante, sono invisibile   Rabbia, tristezza
Lavare i piatti Nessuno mi aiuta, devo fare tutto da sola   Tristezza

Cominciando ad osservare i pensieri e le emozioni che determinano le reazioni, si può cominciare a capire che alla base di un nostro comportamento non c’è solo una risposta al comportamento dell’altro ma anche un’idea iniziale preconcetta.

2° passo: identificare le proprie distorsioni cognitive

Una volta che si comincia a osservare il proprio dialogo interno è possibile cominciare ad indagare sulle proprie distorsioni cognitive. Le distorsioni cognitive più comuni che hanno maggiore impatto sulle relazioni interpersonali sono:

  • Il pensiero dicotomico (o tutto o nulla): una situazione o è un successo oppure è un fallimento, non esistono gradi intermedi, se una situazione non è perfetta è un completo fallimento (ad esempio, “Poiché la terapia cognitiva non risolverà tutti i miei problemi, perché dovrei farla?”).
  • L’ipergeneralizzazione, il fare, come si dice, “di tutt’erba un fascio”, un evento negativo non è semplicemente qualcosa che in quella circostanza è andata male, ma è la prova che la vita è fatta solo di eventi negativi.
  • L’astrazione selettiva (o filtro mentale) , cioè il puntare l’attenzione su di un solo aspetto (negativo) di una situazione ignorando tutto il resto (positivo) (ad esempio, il professore loda l’elaborato e suggerisce alcune modifiche marginali e questo viene vissuto come un giudizio negativo su tutto il lavoro senza tener conto dei giudizi positivi).
  • Il minimizzare i lati positivi: le cose positive sono in contrasto con la visione negativa e vengono perciò minimizzate, attribuite al caso o all’educazione, alla gentilezza degli altri (“era una cosa secondaria … per una volta ho avuto fortuna … lo dicono per educazione, perché certe cose non si dicono in faccia …”).
  • L’inferenza arbitraria, il saltare, cioè, alle conclusioni partendo da premesse che in realtà non giustificano tali conclusioni. Ad esempio, se il soggetto vede un conoscente che attraversa la strada prima di incrociarlo, penserà “Non ha voluto incontrarmi”. In questo caso è in atto una seconda distorsione cognitiva:
  • La lettura del pensiero, ossia, essere convinti di sapere cosa pensa l’altra persona, senza prove che ne confermino questa convinzione.
  • La catastrofizzazione: il giudicare gli eventi negativi come intollerabili catastrofi, una brutta figura viene vissuta come una cosa terribile, un’umiliazione intollerabile.
  • Il ragionamento emotivo, il considerare, cioè, le reazioni emotive come prova di qualcosa (“Mi sento spaventato, questo vuol dire che la situazione è veramente pericolosa”).
  • La doverizzazione: il giudicare se stessi e gli altri sulla base di ciò che uno “dovrebbe” comportarsi o sentire (“Se è un amico, deve stimarmi, perché bisogna stimare gli amici”).
  • L’etichettamento: il definire le cose con un’etichetta globale invece che facendo riferimento a cose specifiche, come ritenersi “un fallimento” piuttosto che ammettere di essere incapaci di fare una cosa specifica.
  • La personalizzazione, il ritenere se stessi responsabili di qualcosa di cui, in realtà, sono soprattutto responsabili altre persone o altri fattori.

3° Passo: Considerare le relazioni tra pensieri e comportamenti

Osservando quotidianamente il proprio dialogo interno, evidenziando le distorsioni cognitive e ile emozioni che ci caratterizzano possiamo cominciare a chiederci: “cosa mi dico quando mi sento in questo modo?”, “quando agisco in questo modo?”

4° Passo: Sfidare e cambiare le distorsioni cognitive

Una volta riconosciute le distorsioni è utile esercitarsi per modificarle. Anche se è un lavoro difficile e non si è supportati da uno specialista, si può ricorrere ad un elenco di domande per metter indiscussione le distorsioni cognitive.
Vediamole:

  • Quale evidenza è a favore della mia interpretazione?
  • Quale evidenza potrebbe essere contraria alla mia interpretazione?
  • C’è una spiegazione alternativa per il comportamento del mio partner?
  • Ci sono altri motivi o sensazioni che possono averlo spinto ad agire in quel modo?
  • Quello che penso è sempre vero o ci sono eccezioni?
  • Se sto generalizzando o etichettando, posso descrivere la situazione in modo più accurato e specifico?
  • Posso riformulare una parte del mio dialogo interno tenendo conto delle informazioni acquisite attraverso queste riflessioni?

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *